Affari di Borsa

Portafoglio

Ultimo Articolo

Manipolazione dei costi

Il Nostro Libro

Manipolazioni di bilancio

Invia un'email

Al nostro team

Articoli

  • Home
  • Articoli
  • Come analizzare i debiti commerciali, calcolare il DPO e l’indice di rotazione dei debiti.
Cos’ è il ROE ? Come calcolare il Return on Equity

Cos’ è il ROE? Come calcolare il Return on Equity

Il ROE indica il rendimento del capitale investito dai proprietari/azionisti della società.


 
 
 
 
Cos’ è il ROE?

Il ROE è un indice finanziario che misura il rendimento del capitale investito dai proprietari/azionisti della società.

Il ROE indica quindi il tasso di remunerazione del capitale di rischio e può essere utilizzato per valutare la capacità del management nel investire i capitali ricevuti dagli azionisti.

Per valutare il ROE di una società gli analisti spesso lo confrontano con il rendimento di attività o titoli a rischio nullo o molto basso quali ad esempio i titoli di stato.

Il motivo è quello di valutare se il livello di rischio è appropriato in funzione della redditività raggiunta.

La differenza fra il ROE della società ed il rendimento di un titolo risk-free determina infatti il premio al rischio, il premio che viene concesso all’investitore/finanziatore per scegliere di conferire capitali verso una azione più rischiosa rispetto a quello di acquistare titoli a rischio zero o molto basso.

Se la società intraprende investimenti rischiosi a bassa profittabilità o poco superiore a quella dei titoli di stato sarebbe opportuno per l’investitore spostare il capitale su titoli meno rischiosi caratterizzati da una redditività simile o spostarsi su titoli più rischiosi ma dotati di una redditività superiore.

 


 
 
 
 
Come calcolare il ROE?

Il ROE si calcola dividendo l’utile di esercizio per il patrimonio netto della società.
Formula per il calcolo del REO Return On Equity

La formula del ROE, per così dire classica, pone al numeratore l’utile netto.

Tuttavia, come per altri indici che misurano la profittabilità della società, gli analisti utilizzano al numeratore alternativamente l’EBIT (Risultato operativo).

Invero, l’uso del reddito operativo nella formula del ROE consente di raffrontare meglio i dati della società con i competitors principalmente per due motivi:

  • L’EBIT mostra il profitto prima degli interessi e delle imposte e permette quindi una comparazione più efficace tra società con un diverso grado di indebitamento e tassazione.
  • L’EBIT indica il profitto escludendo l’effetto di ogni evento straordinario che potrebbe falsare il confronto con altre società o con i dati dei periodi precedenti (i ricavi e costi non operativi vengono generalmente esclusi dal calcolo dell’EBIT).

Per quanto concerne il denominatore della formula del ROE si considera il patrimonio netto dello Stato Patrimoniale della società.

Una variante nel calcolo è quella di prendere la media tra il proprio patrimonio netto dell’anno corrente e di quello precedente.

 


 
 
 
 
Esempio di calcolo del ROE

Per calcolare il ROE occorre prendere i dati dal conto economico e dallo stato patrimoniale della società.

Come esempio utilizziamo una società italiana presente attualmente nel Portafoglio di Affari di Borsa.
Analisi del conto economico per calcolare ROE Return on equity

Per il numeratore del return on equity ricaviamo dal conto economico l’utile operativo indicato nel riquadro rosso (34.554).
Analisi dello stato patrimoniale per calcolare ROE Return on equity

Per il denominatore della formula del ROE utilizziamo l’importo del Patrimonio netto nel riquadro verde dello Stato Patrimoniale, pari a 253.578.

Sostituiamo nella formula del ROE le singole voci con i relativi importi e procediamo a calcolare il return on equity della società:
Analisi dello stato patrimoniale per calcolare ROE Return on equity

Il Return on Equity che otteniamo è pari a 13,6%.

E un buon risultato?

Generalmente un dato superiore al 10% è un dato positivo. Secondo i dati della borsa italiana Il valore medio di mercato di lungo periodo del ROE è compreso tra il 10 e il 14%.

Tuttavia, per valutare il dato in maniera compiuta occorre approfondire ulteriori aspetti, verificando ad esempio:

  • quale sia il ROE medio del mercato in cui opera la società;
  • se la società abbia recentemente compiuto aumenti di capitale o abbia modificato in maniera significativa il livello d’indebitamento che possa alterare il valore del ratio;
  • se si siano verificati eventi una tantum nell’anno corrente che possono aver avuto un impatto sul ROE;
  • quale sia il livello di rischio degli investimenti della società;
  • se la società abbia effettuato investimenti significativi che non hanno ancora generato risultati a breve ma che verosimilmente produrranno risultati a lungo termine;

Valutare, quindi, in concreto il ROE di una società richiede un’analisi approfondita e comparata.

Nello specifico per chi fosse interessato, è disponibile nel menù portafoglio Italia del sito di Affari di Borsa l’analisi specifica della società usata nell’esempio di calcolo della formula del ROE.

 


 
 
 
 
Limiti del ROE

Per quanto costituisca indubbiamente uno strumento utile di analisi, il ROE presenta alcune limitazioni.

Innanzitutto, il Return on equity, come del resto tutti gli indicatori finanziari, è di scarsa utilità se utilizzato in termini assoluti.

Assume, invece, maggiore valenza se utilizzato in termini relativi, ad esempio rapportando il valore conseguito dalla società con quello dei competitor e con la media del ROE del settore di riferimento.

Misurando il dato del ROE della società in più periodi sarà possibile stabilire l’andamento della società nel tempo con un maggior grado di affidabilità.

Inoltre, il valore del ROE può risultare influenzato non solo da fattori legati alla normale operatività della società ma anche da contingenti politiche patrimoniali e finanziarie intraprese dal management che possono rendere più difficile la sua valutazione e il confronto con le altre società.

Se ad esempio il management decidesse di compiere un aumento di capitale o di aumentare notevolmente il debito il risultato del ROE verrebbe impattato.

In questo caso sarebbe più complesso effettuare il confronto con i periodi precedenti oltre che con i peer.

Infine, se l’obiettivo dell’investitore è quello di individuare l’indice più appropriato per valutare le capacità del management nel produrre risultati con il capitale disponibile il return on equity non è l’indice da utilizzare.

A tale scopo è più indicato usare il ROI (return on investment). In questo caso, infatti, il reddito operativo viene rapportato al capitale investito inteso come capitale necessario all’azienda per operare nella propria attività caratteristica.

E’, invece, preferibile utilizzare il ROE se si intende valutare il rendimento rispetto al capitale conferito dagli azionisti o per confrontarlo con altro capitale di rischio.

E’, comunque, buona norma associare il ROE ad ulteriori indicatori quali ROI, DSO, DPO, DSI, CCC, Current Ratio, Sloan ratio, M-score e Z-score per avere una rappresentazione più affidabile ancorché sintetica della situazione societaria.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Copyright © 2018 Affari di Borsa by formeweb.it

Informativa sui cookie

Informativa ai sensi del provvedimento 229/2014 del Garante della Privacy
Cosa sono i cookie
I cookies sono piccoli file di testo che hanno il compito di migliorare e favorire la ricerca in rete e la navigazione sul sito web. I cookies vengono archiviati sul dispositivo dell’utente dal browser utilizzato – Firefox, Internet Explorer, Safari, Chrome, ecc. Il nostro sito utilizza cookies di terze parti, come il servizio di Google Analytics, Affari di Borsa non può accedere a tali cookies, ne’ controllare il loro funzionamento. Affari di Borsa utilizza solo ed esclusivamente i risultati statistici e dati anonimi e aggregati derivati dall’analisi di tali cookies inviati da Google Analytics al fine di migliorare i servizi offerti. Per maggiori informazioni su come Affari di Borsa.it, conserva i tuoi dati personali leggi la nostra Privacy Policy. Puoi in qualsiasi momento modificare o revocare il tuo consenso dalla Dichiarazione sui cookie sul nostro sito Web.
Il tuo consenso si applica al seguente dominio: www.affaridiborsa.com
Tipi di cookie
Esistono due tipologie principali di cookies classificate in base alla loro permanenza sul dispositivo dell’utente:
  • Transitori (o di sessione): mantengono le informazioni per il tempo necessario alla navigazione web e si cancellano automaticamente all’uscita dal browser;
  • Persistenti: memorizzano e conservano le informazioni sul computer/dispositivo in uso fino all’eliminazione del cookie stesso e permettono il recupero d'informazioni inserite precedentemente, anche nella sessione precedente, fino a che non vengono cancellati dall’utente, ad esempio attraverso la cancellazione della cronologia di navigazione.
Esistono poi categorie di cookies suddivise in base alla loro funzione; per quanto riguarda tali categorie di cookies, navigando sul nostro sito, potrai incontrare:
  • Cookies Tecnici: si tratta di cookies di natura prettamente tecnica che permettono al nostro sito di operare gestendone le funzionalità essenziali, come quello di selezionare la lingua. Per utilizzare tali cookies non è necessario ottenere il consenso dell’utente, in quanto il blocco di tali dati non consentirebbe il corretto funzionamento del sito; relativamente alla categoria di cookies suddivisa in base al tempo di permanenza sul device dell’utente, si tratta di cookies di sessione. A ogni modo potrai decidere di disattivarli linkando sui collegamenti indicati in seguito, nella sezione COME DISATTIVARE I COOKIES, dal tuo browser web.
  • Cookies di Google Analytics: Utilizziamo il servizio di Google Analytics che ci consente di ricevere informazioni di natura anonima e statistica sul modo in cui gli utenti navigano sul nostro sito, avendo nota ad esempio di quanto tempo permangono su una pagina o su un articolo o del numero di visite. Tali dati sono comunque di natura aggregata e non consentono a noi d'identificare l’utente, tuttavia le informazioni generate dal cookie sono automaticamente trasmesse a Google Inc e depositate presso i server di Google localizzati negli Stati Uniti. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi, qualora ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi siano stati incaricati da Google al fine di trattare tali dati. Google potrà identificare l’utente associando i dati rilevati dalla navigazione sul nostro sito web con altri in suo possesso. Qualora l’utente intendesse disattivare tali cookies dovrà selezionare l’impostazione specifica presente sul proprio browser oppure effettuare il download del componente aggiuntivo per disabilitare le funzioni dei Cookies di Google Analytics al seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout, ma ciò potrebbe impedire il corretto ed efficace utilizzo di tutte le funzionalità di questo sito web. Si tratta di cookies persistenti. In ogni caso, utilizzando il presente sito web, senza effettuare la disabilitazione dei cookies, l’utente presta consenso al trattamento dei propri dati da parte nostra e di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
  • Cookie per il Marketing I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
    • Google AdSense Affari di Borsa utilizza gli annunci pubblicitari di Google AdSense, un servizio di advertising fornito da Google Inc. Questo servizio usa il cookie “Doubleclick”, che traccia l’utilizzo il comportamento dell’utente in relazione agli annunci pubblicitari, ai prodotti e ai servizi offerti. I contenuti pubblicitari sono di soggetti terzi rispetto al proprietario del sito web (publisher) che li ospita sulle proprie pagine.
    • Pixel Facebook Affari di Borsa utilizza il pixel di Facebook, uno strumento per la raccolta di dati statistici che consente di misurare l’efficacia della pubblicità comprendendo le azioni che le persone eseguono sul sito web
  • Cookie di Terze Parti Qualora siano presenti all’interno della pagina contenuti generati da altre organizzazioni, c’è la possibilità che si ricevano cookie derivanti da tali organizzazioni (“Terze parti”), come ad esempio in presenza di “Social Plugins” per Facebook, Twitter, Google+, Linkedin e similari. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di far riferimento.
Gestione dei cookie
La maggior parte dei browser sono configurati per accettare i cookie. Tuttavia, l’utente può decidere di accettare o meno i cookie modificando le impostazioni del proprio browser. Per avere maggiori informazioni su come eseguire questa operazione sui principali browser, si rimanda alle sezioni di supporto: I cookie memorizzati sul dispositivo dell’utente, possono comunque essere cancellati, facendo riferimento alle guide del proprio browser o del proprio dispositivo. Tuttavia, è possibile che la restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti.
Come disattivare i cookie
Per saperne di più su come vengono utilizzati i dati raccolti, o per disattivare singolarmente i cookie di terze parti (ove possibile), fare riferimento alle informazioni di supporto, tra cui: