Affari di Borsa

Portafoglio

Ultimo Articolo

Manipolazione dei costi

I Nostri Corsi

Scopri di più

Articoli

  • Home
  • Articoli
  • Che cosa è il Buy back? E’ utile per l’investitore?
Che cosa è un IPO? Conviene acquistare azioni al prezzo di IPO?

Cosa è un' IPO? Conviene acquistare azioni quando una società si quota in Borsa?

Conviene acquistare azioni al prezzo di IPO?

In una recente intervista l’amministratore delegato di Borsa Italiana, Raffaele Jerusalmi, ha affermato di ritenere possibile che nel corso del 2018 ben 50 nuove società si quoteranno a Piazza Affari.

Il dato è significativo considerato che alla Borsa di Milano allo stato risultano quotate 339 società nel segmento principale. Tale dato non risulta, tuttavia, affatto sorprendente.

Nei periodi di mercato più o meno euforico, come quello attuale, proliferano le IPO (offerta pubblica iniziale o offerta pubblica di vendita), sponsorizzate dalle varie banche di investimento e dalle schiere di promotori finanziari.

Ad avviso di Affari di Borsa l’investitore accorto prima di decidere di acquistare azioni al prezzo di IPO cedendo magari alle suadenti prospettazioni del proprio broker di un facile e rapido guadagno farebbe bene a chiedersi se abbia compreso bene che cosa è un IPO e quali siano gli interessi che entrano in gioco.

Che cosa è un'IPO?

Per IPO, ovvero nella sua formula estesa “offerta pubblica iniziale”, si intende l’offerta di vendita che una società propone al mercato di una parte delle proprie azioni.
La società in sostanza colloca sul mercato una parte del proprio capitale azionario ricevendo a corrispettivo del denaro che potrà utilizzare per espandere la propria attività.
In tale operazione la società si avvale dell’opera di un advisor e di una banca che fisserà il prezzo dell’azione da collocare garantendone il collocamento in tutto o in parte sul mercato, dietro il corrispettivo di una fee, di norma legata al capitale ottenuto sul mercato e, quindi, al prezzo di collocamento dell’azione.

Acquistare azioni al prezzo di IPO conviene?

L’offerta pubblica iniziale, ovvero il collocamento sul mercato azionario di una nuova società, attrae spesso l’attenzione degli operatori del settore ed è oggetto di massicce campagne pubblicitarie.

Il numero delle IPO e l’interesse che suscitano sono tanto maggiori quanto più il mercato azionario è in fase rialzista.

È infatti nelle cosiddette fasi Toro del mercato che gli appetiti si risvegliano sulle IPO sia da parte delle società desiderose di raccogliere capitale sia da parte degli investitori sempre alla ricerca di nuove prospettive di investimento.
Le novità, del resto, tendono ad avere una attrattiva maggiore rispetto alle realtà di cui già si dispone.
Ed è in questo clima positivo ed euforico che le banche di investimento amano operare quali advisor di soggetti emittenti.
Tanto più il sentimento del mercato è positivo, tanto più i prezzi delle azioni saranno sopravvalutati tanto maggiori saranno le loro fee.
In questo contesto l’investitore accorto deve operare con ancora maggiore cautela, avendo ben presente gli interessi in gioco.
Tuttavia, l’ambiente in cui tendono a proliferare le IPO non costituisce l’unico né il maggiore fattore di rischio per l’investitore, come siamo soliti evidenziare nei nostri corsi di investimento.

Acquistare azioni al prezzo di IPO significa acquistare sul mercato primario; vale a dire acquistare l’azione direttamente dalla società emittente.
Di contro, quando si acquista sul mercato secondario, vale a dire in borsa, si acquistano azioni già in circolazione da altri investitori.
La circostanza potrebbe sembrare di poco rilievo di primo acchito ma cosi non è.
Acquistando un’azione in circolazione l’investitore agisce in situazione di parità competitiva con il venditore.
Entrambi dispongono delle medesime informazioni riguardo la società.
Entrambi, nella maggior parte dei casi, sono investitori privati.
Il prezzo base di contrattazione è determinato dal mercato.

Nella offerta pubblica iniziale il contesto è ben diverso.
Chi vende è la società stessa e in quanto tale è depositaria di ogni tipo di informazione societaria che invece è preclusa all’investitore, il quale non può neanche fare affidamento sulle informazioni standard che sono a disposizione per le azioni già in circolazione.
Il prezzo è fissato dalla società stessa, la quale lo fisserà ad un livello ritenuto per essa conveniente in ciò coadiuvata dall’advisor, cointeressato, in quanto remunerato in base al prezzo di collocamento dell’offerta pubblica iniziale (tanto più alto il prezzo, tanto più alte saranno le sue fee).
Non va trascurato, poi, che per le azioni già in circolazione l’investitore è in grado di farsi un’idea sull’affidabilità del management e sull’andamento del business, potendo scrutinare le relazioni societarie che le società quotate in borsa sono obbligate a rilasciare a cadenza semestrale/trimestrale.
Di contro le azioni di nuova emissione sfuggono a una possibile accurata disamina da parte dell’investitore e ad una preventiva verifica del mercato.

L’asimmetria informativa e lo svantaggio competitivo in cui versa chi decide di acquistare azioni al prezzo di IPO impongono da parte sua una maggiore cautela e prudenza in fase di acquisto.
Per queste ragioni Affari di Borsa è restia ad acquistare azioni al prezzo di IPO.
In sede di IPO risulta, infatti, più difficile poter valutare:

  1. l’effettivo valore della società;
  2. la congruità del prezzo d’acquisto;
  3. l’effettivo andamento del business;
  4. la capacità e l’affidabilità del management;
  5. gli eventuali acquisti di azioni da parte dei vertici aziendali (internal dealing).

Tutti fattori che Affari di Borsa valuta accuratamente, attraverso il Sieve System, prima di procedere ad un acquisto.
L’investitore poco accorto corre così il rischio di trascurare che le rosee prospettive dell’offerta pubblica di iniziale (possibili, forse anche probabili ma non certe) spesso risultano già incorporate nel prezzo di acquisto e nel caso non si realizzino compiutamente, possono tradursi in un significativo ritracciamento del prezzo dell’azione.
Molte delle recenti IPO (Facebook, Twitter, Snapchat, ecc.) hanno mostrato significativi cali di prezzo dell’azione all’indomani della quotazione confermando quanto possa essere rischioso per l’investitore privato cedere alle lusinghe del mercato e dei vari broker.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Copyright © 2018 Affari di Borsa by formeweb.it

Informativa sui cookie

Informativa ai sensi del provvedimento 229/2014 del Garante della Privacy
Cosa sono i cookie
I cookies sono piccoli file di testo che hanno il compito di migliorare e favorire la ricerca in rete e la navigazione sul sito web. I cookies vengono archiviati sul dispositivo dell’utente dal browser utilizzato – Firefox, Internet Explorer, Safari, Chrome, ecc. Il nostro sito utilizza cookies di terze parti, come il servizio di Google Analytics, Affari di Borsa non può accedere a tali cookies, ne’ controllare il loro funzionamento. Affari di Borsa utilizza solo ed esclusivamente i risultati statistici e dati anonimi e aggregati derivati dall’analisi di tali cookies inviati da Google Analytics al fine di migliorare i servizi offerti. Per maggiori informazioni su come Affari di Borsa.it, conserva i tuoi dati personali leggi la nostra Privacy Policy. Puoi in qualsiasi momento modificare o revocare il tuo consenso dalla Dichiarazione sui cookie sul nostro sito Web.
Il tuo consenso si applica al seguente dominio: www.affaridiborsa.com
Tipi di cookie
Esistono due tipologie principali di cookies classificate in base alla loro permanenza sul dispositivo dell’utente:
  • Transitori (o di sessione): mantengono le informazioni per il tempo necessario alla navigazione web e si cancellano automaticamente all’uscita dal browser;
  • Persistenti: memorizzano e conservano le informazioni sul computer/dispositivo in uso fino all’eliminazione del cookie stesso e permettono il recupero d'informazioni inserite precedentemente, anche nella sessione precedente, fino a che non vengono cancellati dall’utente, ad esempio attraverso la cancellazione della cronologia di navigazione.
Esistono poi categorie di cookies suddivise in base alla loro funzione; per quanto riguarda tali categorie di cookies, navigando sul nostro sito, potrai incontrare:
  • Cookies Tecnici: si tratta di cookies di natura prettamente tecnica che permettono al nostro sito di operare gestendone le funzionalità essenziali, come quello di selezionare la lingua. Per utilizzare tali cookies non è necessario ottenere il consenso dell’utente, in quanto il blocco di tali dati non consentirebbe il corretto funzionamento del sito; relativamente alla categoria di cookies suddivisa in base al tempo di permanenza sul device dell’utente, si tratta di cookies di sessione. A ogni modo potrai decidere di disattivarli linkando sui collegamenti indicati in seguito, nella sezione COME DISATTIVARE I COOKIES, dal tuo browser web.
  • Cookies di Google Analytics: Utilizziamo il servizio di Google Analytics che ci consente di ricevere informazioni di natura anonima e statistica sul modo in cui gli utenti navigano sul nostro sito, avendo nota ad esempio di quanto tempo permangono su una pagina o su un articolo o del numero di visite. Tali dati sono comunque di natura aggregata e non consentono a noi d'identificare l’utente, tuttavia le informazioni generate dal cookie sono automaticamente trasmesse a Google Inc e depositate presso i server di Google localizzati negli Stati Uniti. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi, qualora ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi siano stati incaricati da Google al fine di trattare tali dati. Google potrà identificare l’utente associando i dati rilevati dalla navigazione sul nostro sito web con altri in suo possesso. Qualora l’utente intendesse disattivare tali cookies dovrà selezionare l’impostazione specifica presente sul proprio browser oppure effettuare il download del componente aggiuntivo per disabilitare le funzioni dei Cookies di Google Analytics al seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout, ma ciò potrebbe impedire il corretto ed efficace utilizzo di tutte le funzionalità di questo sito web. Si tratta di cookies persistenti. In ogni caso, utilizzando il presente sito web, senza effettuare la disabilitazione dei cookies, l’utente presta consenso al trattamento dei propri dati da parte nostra e di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
  • Cookie per il Marketing I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
    • Google AdSense Affari di Borsa utilizza gli annunci pubblicitari di Google AdSense, un servizio di advertising fornito da Google Inc. Questo servizio usa il cookie “Doubleclick”, che traccia l’utilizzo il comportamento dell’utente in relazione agli annunci pubblicitari, ai prodotti e ai servizi offerti. I contenuti pubblicitari sono di soggetti terzi rispetto al proprietario del sito web (publisher) che li ospita sulle proprie pagine.
    • Pixel Facebook Affari di Borsa utilizza il pixel di Facebook, uno strumento per la raccolta di dati statistici che consente di misurare l’efficacia della pubblicità comprendendo le azioni che le persone eseguono sul sito web
  • Cookie di Terze Parti Qualora siano presenti all’interno della pagina contenuti generati da altre organizzazioni, c’è la possibilità che si ricevano cookie derivanti da tali organizzazioni (“Terze parti”), come ad esempio in presenza di “Social Plugins” per Facebook, Twitter, Google+, Linkedin e similari. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di far riferimento.
Gestione dei cookie
La maggior parte dei browser sono configurati per accettare i cookie. Tuttavia, l’utente può decidere di accettare o meno i cookie modificando le impostazioni del proprio browser. Per avere maggiori informazioni su come eseguire questa operazione sui principali browser, si rimanda alle sezioni di supporto: I cookie memorizzati sul dispositivo dell’utente, possono comunque essere cancellati, facendo riferimento alle guide del proprio browser o del proprio dispositivo. Tuttavia, è possibile che la restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti.
Come disattivare i cookie
Per saperne di più su come vengono utilizzati i dati raccolti, o per disattivare singolarmente i cookie di terze parti (ove possibile), fare riferimento alle informazioni di supporto, tra cui: