Affari di Borsa

Portafoglio 

Il Nostro Libro

Come leggere il bilancio

Invia un'email

Al nostro team

Articoli

  • Home
  • Articoli
  • Internal dealing: uno strumento utile per l’investimento
Internal dealing: uno strumento utile per l’investimento

Internal dealing: uno strumento utile per l’investimento

Per Internal Dealing si intendono gli acquisti e le vendite di azioni di società quotate da parte dei propri amministratori, sindaci e top manager.
In ragione del ruolo strategico che tali soggetti rivestono all’interno della società è evidente che le loro operazioni di acquisto/vendita del titolo (internal dealing) assumono un particolare valore per il mercato.
In linea di massima le operazioni di acquisto di titoli della società da parte dei propri top manager rappresentano un segnale molto interessante per l’investitore a cui il team di Affari di Borsa presta particolare attenzione.
Gli amministratori delle società dispongono, infatti, di informazioni privilegiate sulla società, sull’andamento del business e sulle sue prospettive, che sono precluse agli azionisti ed investitori.
Per questa ragione le legislazioni dei vari paesi obbligano gli amministratori e i top manager a comunicare qualsiasi operazione di acquisto/vendita compiuta sui titoli della propria società.
Per quanto riguarda in particolare l’Italia esiste una sezione del sito ufficiale di Borsa Italiana che elenca ogni operazione effettuata dagli amministratori: http://www.borsaitaliana.it/azioni/documenti/internaldealing/internaldealingswitch.htm .
Negli Stati Uniti la SEC (Securities and Exchange Commission), ovvero il corrispettivo della nostra CONSOB, in maniera analoga richiede la pubblicazione di tutte le operazioni di internal dealing (SEC Info Insider Trading Reports).
Ma arriviamo al dunque: l’analisi degli internal dealing è uno strumento utile per selezionare i propri investimenti ed identificare le azioni vincenti?
La risposta di Affari di Borsa è un convinto sì.
Esiste solo un motivo per cui si acquista un titolo: perché si pensa che il prezzo salirà e l’acquirente realizzerà una plusvalenza.
Esistono vari studi statistici fatti negli Stati Uniti che confermano l’andamento positivo di azioni dopo importanti Internal dealing: la ricerca accademica ha dimostrato che le imprese con significativi internal dealing di acquisto tendono a sovraperformare gli indici di mercato.
Gli amministratori sono le persone che hanno più informazioni sulla società che amministrano e sul quadro competitivo in cui opera. Conoscono molto bene i suoi prodotti e quelli della concorrenza e quindi i loro internal dealing vanno studiati con particolare attenzione.
Bisogna però avere molta cautela e non generalizzare.
Non esiste necessariamente una corrispondenza tra le buone prospettive di una azienda, l’acquisto del titolo da parte di un insider e una chiara opportunità di investimento per il potenziale investitore, in quanto il titolo potrebbe essere sopravvalutato dal mercato (nel senso che il prezzo a cui il titolo può essere acquistato sul mercato è superiore al suo valore intrinseco).
Per spiegare questo concetto prendiamo l’azione TESLA a mero titolo esemplificativo: la società produce macchine elettriche di grande qualità, con ottime prospettive di crescita.
Il titolo è, però, -secondo criteri valutati da Affari di Borsa- estremamente sopravvalutato. Un top manager di questa società potrebbe valutare in maniera positiva le prospettive, ma trascurare la sopravvalutazione del titolo da parte del mercato. Sarà probabilmente un manager competente nel proprio campo, ma non è detto che sia un esperto nella valutazione di un investimento finanziario.
Il soggetto in questione potrebbe acquistare il titolo e dare all’investitore poco accorto un segnale positivo di acquisto.
Il punto è quindi quello di prendere molto seriamente questa informazione, ma essere -al tempo stesso- in grado di poter valutare il quadro complessivo dell’azienda.
È poi opportuno valutare l’importo dell’acquisto in relazione al reddito/patrimonio dell’acquirente e verificare se più di un amministratore ha acquistato il titolo.
Poniamo il caso che un CEO di una società con un reddito di qualche milione di euro acquisti titoli per un importo pari a 10 mila euro; ovviamente questo acquisto non sarà rilevante per il suo patrimonio e l'investitore accorto non valuterà evidentemente con interesse questo internal dealing.
Se invece ad acquistare sono più top manager per importi significativi è chiaro che l’informazione assume maggiore rilevanza per l’investitore, risultando più improbabile che tutti i top manager mettano a repentaglio parte del proprio patrimonio interpretando non correttamente le informazioni societarie di cui dispongono.
Non va trascurata, poi, l’ipotesi in cui un CEO in difficoltà nella gestione della società, il cui titolo è penalizzato dal mercato, possa decidere di acquistare poche azioni della propria società al solo scopo di dare un segnale positivo al mercato e non perché convinto che il titolo costituisca un’effettiva opportunità di investimento.
Il Sieve System utilizzato da Affari di Borsa utilizza le informazioni degli internal dealing a supporto di tanti altri fattori nella scelta dei propri investimenti. Esiste ad esempio un titolo nel Portafoglio Europa che è stato selezionato da Affari di Borsa anche per i significativi acquisti del proprio CEO.
I ripetuti acquisti per importi rilevanti di un giovane CEO, doppiati ad acquisti di altri insider, rappresentano sicuramente un segnale importante per le prospettive del titolo.
Ma come vanno, invece, considerate le vendite dei titoli da parte degli amministratori? Bisogna allarmarsi quando uno o più top manager vendono titoli della propria società?
La risposta di Affari di Borsa è: dipende.
Di solito si vendono titoli per vari motivi: 

  • perché si pensa che il titolo possa essere sopravvalutato rispetto alle prospettive del business;
  • perché si vuole diversificare il proprio investimento (molto spesso una buona parte dei bonus dei top manager sono in azioni o opzioni della stessa società e quindi una quota rilevante del reddito/patrimonio dei top manager è concentrato su una singola azione);
  • per esigenze di vita: perché si vuole comprare casa o mandare i figli all’università, etc.

Se le vendite del titolo sono limitate nel loro ammontare e sono fatte da un unico manager è plausibile che si ricada in una delle ultime due ipotesi, diciamo fisiologiche.
Laddove, invece, le vendite siano significative e riguardino più insider, la circostanza deve richiamare la massima attenzione dell’investitore, potendo segnalare la sussistenza di una patologia della società.
Sia, comunque, chiaro che sarebbe riduttivo basare le scelte di investimento esclusivamente sugli acquisti o sulle vendite dei top manager.
Il messaggio di fondo di Affari di Borsa è il seguente: gli internal dealing degli amministratori sono un elemento importante nella analisi di un titolo.
Tuttavia, è opportuno per l’investitore accorto non basare mai una decisione di investimento esclusivamente su informazioni relative agli internal dealing: prese da sole, le informazioni degli internal dealing non sono sufficienti a supportare un’appropriata decisione di investimento potendo essere fuorvianti.

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Copyright © 2018 Affari di Borsa by formeweb.it

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.