Affari di Borsa

Portafoglio

Ultimo Articolo

Manipolazione dei costi

Il Nostro Libro

Manipolazioni di bilancio

Invia un'email

Al nostro team

Articoli

  • Home
  • Articoli
  • Cos’è il cash flow? 4 suggerimenti per l’interpretazione del rendiconto finanziario di una società
Sloan ratio: come valutare la qualità degli utili societari

Sloan ratio: come valutare la qualità degli utili societari

Non tutti gli utili sono uguali; alcuni utili sono più utili di altri. Lo Sloan ratio permette di valutare la qualità degli utili. Il team di Affari di Borsa ti illustrerà in che modo.


 
 
 
 
Perché importante verificare la qualità degli utili?

Uno degli aspetti più importanti e spesso più trascurati dagli investitori è il fatto che gli utili riportati da una società e riportati in bilancio non sono tutti uguali.

La questione è presto spiegata.

I principi contabili richiedono alle società di rendicontare i propri ricavi e i costi in base alla contabilità per competenza e non per cassa.

Seguendo il metodo della contabilità per competenza, le società registrano, quindi, il profitto e i costi quando si verificano le relative transazioni e non già quando il denaro viene effettivamente incassato o versato.

Pertanto, il reddito netto che la società espone nel conto economico include molti accruals/accantonamenti, che sono la componente degli utili non in contanti.

Al risultato netto del periodo esposto in conto economico non corrisponde mai il contante effettivamente incassato nell’anno di esercizio per le transazioni concluse e registrate.

Maggiore risulterà la componente degli accruals minore saranno i contanti incassati.

La differenza non è di poco conto. Da qui l’importanza di valutare la qualità degli utili, vale a dire accertare la composizione in termini percentuali degli utili.

Risulta, infatti, intuitivo come a parità di importo totale degli utili conseguiti, maggiore risulterà la componente in contanti migliore sarà il risultato effettivo per la società e per gli azionisti/investitori.

La società che registra a utile molti accantonamenti e che, quindi, incassa meno denaro disporrà di minor liquidità da investire e impiegare per far crescere il business.

Inoltre, una società che esponga tra gli utili una rilevante porzione di accantonamenti potrebbe aver adottato pratiche aggressive di registrazione dei ricavi.

Invero, nell’ effettuare gli accantonamenti il management deve fare delle stime che in larga misura sono discrezionali e che si prestano maggiormente a pratiche discorsive.

Ecco perché è molto importante valutare la qualità degli utili prima di investire in una società.

Lo Sloan ratio è, quindi, uno strumento molto utile per valutare la qualità degli utili.


 
 
 
 
Cosa è lo Sloan ratio?

Lo Sloan ratio è un indicatore finanziario progettato da un ex ricercatore dell’Università del Michigan, Richard Sloan, che indica la percentuale di accantonamenti sul totale delle attività di una società.

Lo Sloan ratio si calcola come di seguito:

Sloan Ratio = (Net Income - CFO - CFI) / Total Assets

Nel suo articolo del 1996, Sloan dimostra che il titolo azionario delle società con un tasso di accruals/accantonamenti elevato tendono ad avere rendimenti inferiori rispetto a quelle con un rapporto di accantonamenti basso.

La ragione è molto semplice.

Gli utili esposti in conto economico costituiscono, insieme al fatturato, il dato finanziario più attenzionato dagli investitori, tanto da influenzare nel breve termine l’andamento del titolo azionario.

Ciò esercita pressioni sul management che può essere indotto ad adottare espedienti contabili pur di non deludere le aspettative del mercato, esponendo utili difficilmente sostenibili nel lungo periodo.

La componente su cui il management più aggressivo può incidere è quella degli accantonamenti in quanto oggetto di stime discrezionali.

L’accrescimento di accantonamenti e, quindi, degli utili può comportare rendimenti azionari positivi nel breve termine ma il mispricing e quindi la sopravvalutazione si risolverà in un rintracciamento del titolo quando gli utili futuri risulteranno inferiori alle attese.

Per la sua capacità di ricavare l’ammontare degli accruals, luogo privilegiato delle manipolazioni di bilancio, lo Sloan ratio, insieme all’ M-score e allo Z-score, viene utilizzato nell’analisi delle società anche come indicatore di possibili manipolazioni di bilancio.


 
 
 
 
Come si calcola Sloan ratio? Qual è la formula dello Sloan ratio?

Lo Sloan ratio indica la percentuale di accantonamenti rispetto al totale delle attività di una società.

La formula dello Sloan ratio è la seguente:

Lo Sloan ratio si calcola come di seguito

dove:

Net Income (Utili del periodo) sta per Utili al netto di poste straordinarie;

CFO (Cash Flow from Operations) sta per Flussi di cassa derivanti dall’attività operativa;

CFI (Cash Flow from Investing) sta per Flussi di cassa derivanti dall’attività d'investimento

 

Detta formula dello Sloan ratio è detta cash flow statement approach in quanto i dati da cui si ricava sono contenuti nel Cash Flow Statement, vale a dire il rendiconto finanziario.

Esiste un’ulteriore formula dello Sloan Ratio, e segnatamente:

Detta formula di Sloan ratio è detta Accrual Balance sheet approach, in quanto i dati da cui si ricava sono reperibili dal balance sheet, vale a dire lo stato patrimoniale.

dove:
ΔCA = variazione negli Attivi correnti (Change in current assets)

Δ Cash = variazione nella Liquidità (Change in Cash/Cash Equivalents)

Δ CL = variazione nei Passivi correnti (Change in Current Liabilities)

Δ STD = variazione nel Debito a breve termine incluso nei Passivi correnti (Change in Debt Included in Current Liabilities)

Δ TP = variazione nelle Imposte sul reddito dovute (Change in Income Taxes Payable)

Dep = costo di Deprezzamento e ammortamento (Depreciation and Amortization Expense)

Detta formula di Sloan ratio è detta Accrual Balance sheet approach, in quanto i dati da cui si ricava sono reperibili dal balance sheet, vale a dire lo stato patrimoniale.

La formula dello Sloan ratio, c.d. Accruals balance sheet approach, era quella utilizzata originariamente da Sloan.

Questo perché le società nel periodo oggetto di studio del paper di Sloan non erano ancora tenute a fornire un rendiconto finanziario.

La formula dello Sloan ratio c.d. accruals cash flow statement approach è di più immediato utilizzo e calcolo.

La formula dello Sloan ratio c.d. accruals balance sheet approach ha tuttavia il pregio di determinare gli accruals in maniera più approfondita, considerando solo gli accruals correnti.


 
 
 
 
Come si interpreta lo Sloan ratio?

Lo Sloan ratio è generalmente interpretato nel modo seguente:

Come si interpreta lo Sloan ratio

Uno Sloan Ratio, compreso tra -10% e 10%, implica una buona qualità degli utili. La società si trova in una zona di basso rischio, gli utili riportati dovrebbero essere sostenibili nel lungo periodo.

Uno Sloan Ratio, compreso tra -25% e -10% sul lato negativo e tra il 10% e il 25% sul lato positivo, implica che la società si trova in una zona intermedia, in una fase di preoccupante crescita degli accantonamenti.

Uno Sloan Ratio inferiore al -25% o superiore al 25%, per di più costante per diversi trimestri o addirittura anni, implica una zona di alto rischio. L’investitore deve fare molta attenzione. È molto probabile che gli utili siano costituiti per lo più da accantonamenti e che, quindi, non siano sostenibili nel lungo periodo.


 
 
 
 
Come utilizzare lo Sloan ratio?

Lo Sloan ratio è stato concepito dal suo ideatore Sloan come indicatore predittivo delle performance finanziarie delle società sull’assunto che le società con minore percentuale di accruals/accantonamenti sono solite sovraperformare quelle con maggiori percentuali.

La capacità dello Sloan ratio di determinare la composizione degli utili ha reso lo Sloan ratio molto utilizzato in analisi finanziaria per valutare la qualità degli utili.

Inoltre, lo Sloan ratio, è uno degli strumenti più diffusi per individuare eventuali manipolazioni di bilancio.

Per utilizzarlo proficuamente, va tenuto a mente che lo Sloan ratio varia in maniera significativa da un settore all’altro.

Si passa da un valore medio di circa il 5% per le società finanziarie (che è il settore con maggiori utili non monetari) a un valore di circa -15% per le società di servizi di comunicazione.

Risulta, quindi, poco proficuo comparare lo Sloan ratio tra società operanti in diversi settori.

Lo Sloan ratio risulta più utile ed efficace se confrontato con la media del settore.

Lo Sloan ratio può', altresì', essere utilizzato proficuamente monitorandone il valore della società' nel tempo.

In linea generale può definirsi un buon valore di Sloan ratio quello che sia allineato con la media del settore.

Nel caso una società riporti un valore di Sloan ratio elevato rispetto ad altre nello stesso settore, sussiste la forte possibilità che gli utili riportati non siano sostenibili nel lungo periodo.

Nel caso il valore dello Sloan ratio di una società aumenti nel tempo, ciò può implicare che la società abbia aumentato le proprie attività, ricorrendo ad una più aggressiva politica di registrazione dei ricavi ovvero ad una maggiore capitalizzazione delle spese.

Se ti è interessato l’articolo e desideri riceverne di nuovi iscriviti gratuitamente alla newsletter di Affari di Borsa

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

Copyright © 2018 Affari di Borsa by formeweb.it

Informativa sui cookie

Informativa ai sensi del provvedimento 229/2014 del Garante della Privacy
Cosa sono i cookie
I cookies sono piccoli file di testo che hanno il compito di migliorare e favorire la ricerca in rete e la navigazione sul sito web. I cookies vengono archiviati sul dispositivo dell’utente dal browser utilizzato – Firefox, Internet Explorer, Safari, Chrome, ecc. Il nostro sito utilizza cookies di terze parti, come il servizio di Google Analytics, Affari di Borsa non può accedere a tali cookies, ne’ controllare il loro funzionamento. Affari di Borsa utilizza solo ed esclusivamente i risultati statistici e dati anonimi e aggregati derivati dall’analisi di tali cookies inviati da Google Analytics al fine di migliorare i servizi offerti. Per maggiori informazioni su come Affari di Borsa.it, conserva i tuoi dati personali leggi la nostra Privacy Policy. Puoi in qualsiasi momento modificare o revocare il tuo consenso dalla Dichiarazione sui cookie sul nostro sito Web.
Il tuo consenso si applica al seguente dominio: www.affaridiborsa.com
Tipi di cookie
Esistono due tipologie principali di cookies classificate in base alla loro permanenza sul dispositivo dell’utente:
  • Transitori (o di sessione): mantengono le informazioni per il tempo necessario alla navigazione web e si cancellano automaticamente all’uscita dal browser;
  • Persistenti: memorizzano e conservano le informazioni sul computer/dispositivo in uso fino all’eliminazione del cookie stesso e permettono il recupero d'informazioni inserite precedentemente, anche nella sessione precedente, fino a che non vengono cancellati dall’utente, ad esempio attraverso la cancellazione della cronologia di navigazione.
Esistono poi categorie di cookies suddivise in base alla loro funzione; per quanto riguarda tali categorie di cookies, navigando sul nostro sito, potrai incontrare:
  • Cookies Tecnici: si tratta di cookies di natura prettamente tecnica che permettono al nostro sito di operare gestendone le funzionalità essenziali, come quello di selezionare la lingua. Per utilizzare tali cookies non è necessario ottenere il consenso dell’utente, in quanto il blocco di tali dati non consentirebbe il corretto funzionamento del sito; relativamente alla categoria di cookies suddivisa in base al tempo di permanenza sul device dell’utente, si tratta di cookies di sessione. A ogni modo potrai decidere di disattivarli linkando sui collegamenti indicati in seguito, nella sezione COME DISATTIVARE I COOKIES, dal tuo browser web.
  • Cookies di Google Analytics: Utilizziamo il servizio di Google Analytics che ci consente di ricevere informazioni di natura anonima e statistica sul modo in cui gli utenti navigano sul nostro sito, avendo nota ad esempio di quanto tempo permangono su una pagina o su un articolo o del numero di visite. Tali dati sono comunque di natura aggregata e non consentono a noi d'identificare l’utente, tuttavia le informazioni generate dal cookie sono automaticamente trasmesse a Google Inc e depositate presso i server di Google localizzati negli Stati Uniti. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi, qualora ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi siano stati incaricati da Google al fine di trattare tali dati. Google potrà identificare l’utente associando i dati rilevati dalla navigazione sul nostro sito web con altri in suo possesso. Qualora l’utente intendesse disattivare tali cookies dovrà selezionare l’impostazione specifica presente sul proprio browser oppure effettuare il download del componente aggiuntivo per disabilitare le funzioni dei Cookies di Google Analytics al seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout, ma ciò potrebbe impedire il corretto ed efficace utilizzo di tutte le funzionalità di questo sito web. Si tratta di cookies persistenti. In ogni caso, utilizzando il presente sito web, senza effettuare la disabilitazione dei cookies, l’utente presta consenso al trattamento dei propri dati da parte nostra e di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
  • Cookie per il Marketing I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
    • Google AdSense Affari di Borsa utilizza gli annunci pubblicitari di Google AdSense, un servizio di advertising fornito da Google Inc. Questo servizio usa il cookie “Doubleclick”, che traccia l’utilizzo il comportamento dell’utente in relazione agli annunci pubblicitari, ai prodotti e ai servizi offerti. I contenuti pubblicitari sono di soggetti terzi rispetto al proprietario del sito web (publisher) che li ospita sulle proprie pagine.
    • Pixel Facebook Affari di Borsa utilizza il pixel di Facebook, uno strumento per la raccolta di dati statistici che consente di misurare l’efficacia della pubblicità comprendendo le azioni che le persone eseguono sul sito web
  • Cookie di Terze Parti Qualora siano presenti all’interno della pagina contenuti generati da altre organizzazioni, c’è la possibilità che si ricevano cookie derivanti da tali organizzazioni (“Terze parti”), come ad esempio in presenza di “Social Plugins” per Facebook, Twitter, Google+, Linkedin e similari. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di far riferimento.
Gestione dei cookie
La maggior parte dei browser sono configurati per accettare i cookie. Tuttavia, l’utente può decidere di accettare o meno i cookie modificando le impostazioni del proprio browser. Per avere maggiori informazioni su come eseguire questa operazione sui principali browser, si rimanda alle sezioni di supporto: I cookie memorizzati sul dispositivo dell’utente, possono comunque essere cancellati, facendo riferimento alle guide del proprio browser o del proprio dispositivo. Tuttavia, è possibile che la restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti.
Come disattivare i cookie
Per saperne di più su come vengono utilizzati i dati raccolti, o per disattivare singolarmente i cookie di terze parti (ove possibile), fare riferimento alle informazioni di supporto, tra cui: