Affari di Borsa

Portafoglio

Ultimo Articolo

Come shortare un’azione

Il Nostro Libro

Come leggere il bilancio

Invia un'email

Al nostro team

Articoli

  • Home
  • Articoli
  • Come analizzare i debiti commerciali, calcolare il DPO e l’indice di rotazione dei debiti.
M-score: 8 indici in uno per scovare le frodi contabili

M-score: 8 indici in uno per scovare le frodi contabili

L’M-score è lo strumento più utilizzato per individuare frodi contabili.


 
 
 
 
Cosa è l’M-score?

Sviluppato dal dott. Messod D. Beneish, professore di contabilità presso la Kelley School of Business dell’Università dell’Indiana, l’M-Score è uno strumento analitico basato sui dati finanziari societari.

L’indice è stato progettato per rilevare la probabilità di earnings management, vale a dire la manipolazione dei dati di bilancio e frodi contabili.

Il modello ideato da Beneish è una formula che produce un punteggio, l’ M-score appunto, utilizzando i dati societari facilmente accessibili da parte dell’investitore attraverso la lettura dei rendiconti finanziari delle società.

Secondo la ricerca di Beneish, maggiore è l’ M-score di una società, maggiore è la probabilità che la società si dedichi alle frodi contabili.

Nello specifico, considerando l’intero mercato, il modello ideato da Beneish classifica una società come dedita alle frodi contabili se il suo M-Score è maggiore di -1,78.


 
 
 
 
Come è composto l’M-score?

L’M-score è un modello matematico basato su una miscela ponderata di otto diversi indici, ciascuno dei quali misura la variazione di un rapporto finanziario da un anno all’altro.

 

Gli indici sono costruiti sulla base dei dati finanziari della società per creare un modello (M-Score) volto a descrivere il grado di probabilità di manipolazione dei dati di bilancio da parte della società.

Gli otto indici utilizzati nel modello, M-score, sono i seguenti:

  1. DSRI = Days’ Sales in Receivables Index
  2. GMI = Gross Margin Index
  3. AQI = Asset Quality Index
  4. SGI = Sales Growth Index
  5. DEPI = Depreciation Index
  6. SGAI = Sales, General, and Administrative Expenses Index
  7. LVGI = Leverage Index
  8. TATA= Total Accruals to Total Assets


 
 
 
 
Cosa implicano i vari indici dell’M-score?

Ciascuno degli indici del modello ideato da Beneish trasmette informazioni importanti; comprendere il significato dietro i loro valori rende il modello Beneish uno strumento molto più utile. Va notato che ogni componente del modello è supportato da un corpo significativo di ricerca accademica su fattori che possono segnalare false dichiarazioni finanziarie e frodi contabili.

Ogni indice dell’M-score (ad eccezione del TATA index) è costruito in modo che un valore di 1 sia neutro; considerando che qualsiasi valore superiore a 1 rende più probabile che l’impresa stia manipolando i propri dati finanziari e qualsiasi valore inferiore a 1 rende meno probabili frodi contabili.

    1. DSRI = Days’ Sales in Receivables IndexMisura il rapporto tra crediti e vendite dell’anno in corso rapportato a quello dell’esercizio precedente, espresso dalla seguente formula, dove CY sta per l’anno in corso e PY sta per l’anno precedente:
      Formula DSRI – indice 1) M-scoreUn valore di DSRI> 1 indica che i crediti della società stanno crescendo in termini percentuali più delle vendite anno su anno; maggiore è il DSR superiore a 1, maggiore è la crescita dei crediti rispetto alle vendite.
      Ciò può indicare un deterioramento delle condizioni economiche della società (ovvero la società incentiva le vendite estendendo termini di credito più clementi ai clienti) o l’adozione di una contabilità aggressiva (l’azienda riconosce i ricavi prima che vengano perfezionati).
      Un aumento sproporzionato dei crediti rispetto alle vendite, tuttavia, può anche essere indicativo di un’inflazione dei ricavi o del ricorso a pratiche poco lecite al fine di gonfiare il fatturato.
      Un significativo aumento del DSRY è associabile ad una maggiore probabilità che i ricavi e i guadagni sono sopravvalutati. Per verificare la possibilità dell’utilizzo di queste pratiche esistono comunque delle tecniche a disposizione dell’investitore.
    2. GMI = Gross Margin Index
      L’indice misura il rapporto tra il margine lordo dell’anno precedente con quello dell’anno in corso, dove un indice inferiore a 1 significa che i margini sono diminuiti.
      Formula GMI indice 2. M-score Un valore di GMI> 1 indica che il margine lordo della società sta peggiorando anno dopo anno; più alto è il GMI> 1, più significativo è il deterioramento. Il deterioramento del margine lordo è un segnale negativo sulle prospettive delle imprese.
      Dal momento che le società con prospettive più sfavorevoli hanno maggiori probabilità di impegnarsi nella manipolazione degli utili, c’è da attendersi una relazione positiva tra GMI e la probabilità di frodi contabili.
    3. AQI = Asset Quality Index
      L’indice misura il rapporto tra l’Attivo non corrente diverso dalle immobilizzazioni materiali (fabbricati, attrezzature ed equipaggiamento) e il Totale delle attività dell’anno precedente.
      Formula AQI – indice 3. M-scoreUn valore di AQI> 1 indica che le attività non correnti della società (come avviamento, attività immateriali e altri elementi di valore incerto a lungo termine) sono aumentati in termini percentuali più di tutte le attività anno su anno; quanto più alto è l’AQI, tanto più i soft assets di qualità incerta sono cresciuti rispetto ai più tangibili attivi correnti.
      La diminuzione della qualità degli attivi può essere il risultato di un’eccessiva capitalizzazione delle spese (costi differiti) e /o può essere un segno di deterioramento dei fondamentali dell’azienda e/o di frodi contabili.
      L’indice misura il rapporto tra l’Attivo non corrente diverso dalle immobilizzazioni materiali (fabbricati, attrezzature ed equipaggiamento) e il Totale delle attività dell’anno precedente.
    4. SGI = Sales Growth Index
      L’indice misura il rapporto tra le vendite dell’anno in corso e quelle dell’anno precedente.
      Formula SGI Indice 4. M-score Un valore di SGI> 1 indica che le vendite dell’azienda stanno crescendo anno su anno; maggiore è il SGI superiore a 1, maggiore è la crescita delle vendite.
      La crescita del fatturato è un fattore positivo per la società.
      Tuttavia, le società in crescita sono spesso più propense ad effettuare frodi contabili perché la loro posizione finanziaria e le esigenze di capitale mettono sotto pressione i manager per raggiungere gli obiettivi di guadagno e le aspettative del mercato.Le società in crescita tendono spesso a dissimulare l’impressione che la loro crescita stia rallentando, poiché tale percezione può essere per loro molto costosa e analizzata con molta attenzione dagli analisti finanziari.
    5. DEPI = Depreciation Index
      L’indice misura il rapporto tra il tasso di ammortamento delle spese dell’esercizio precedente e quello dell’anno in corso:
      Formula DEPI Indice 5. M-score Un valore di DEPI> 1 indica che il tasso di ammortamento effettivo dell’azienda è diminuito anno su anno; maggiore è il DEPI superiore a 1, più il tasso di ammortamento è diminuito.
      Ciò suggerisce che l’azienda ha aumentato la stima della vita utile dei suoi beni, rallentando così il riconoscimento delle spese e (forse artificialmente) aumentando l’aspetto del reddito.
      Questo fattore potrebbe nascondere una difficoltà della società ed essere potenziale fonte di frodi contabili.
    6. SGAI = Sales, General, and Administrative Expenses Index
      L’indice misura il rapporto tra le spese generali e amministrative e le vendite dell’anno corrente e quello dell’anno precedente.
      Formula SGAI Indice 6. M-score Un valore di SGAI> 1 indica che le spese, SGA, della società come percentuale delle vendite sono aumentate anno su anno, il che rappresenta una diminuzione dell’efficienza amministrativa e dell’attività di marketing; maggiore è lo SGAI superiore a 1, più le spese SGA sono aumentate in termini percentuali rispetto alle vendite.
      La società potrebbe essere più propensa alla manipolazione dei dati di bilancio per coprire il deterioramento delle proprie prestazioni operative.
    7. LVGI = Leverage Index
      L’indice misura il rapporto tra il debito totale e il totale attivo per l’anno corrente allo stesso rapporto dell’anno precedente.
      Formula LVGI Indice 7. M-score Un valore di LVGI> 1 indica che la società ha aumentato la propria esposizione debitoria; maggiore è il LVGI superiore a 1, maggiore è l’incremento del debito societario.
      Una società sempre più indebitata, implica una maggiore pressione sul management per rispettare i covenant di debito che può tradursi in un incentivo alle frodi contabili.
    8. TATA = Total Accruals to Total Assets
      L’indice misura il rapporto tra accantonamenti totali (definito come la differenza tra il risultato netto del periodo – prima di eventuali poste non ricorrenti – e la cassa generata dall’attività operativa/caratteristica) e il totale attivo.Formula TATA Indice 8. M-score L’indice misura la differenza tra profitto (o perdita) contabile e profitto (o perdita) in contanti; la differenza viene poi divisa per il totale attivo in modo da rendere comparabile la variabile tra aziende di diverse dimensioni.
      Maggiori risulteranno gli accantonamenti e minore risulterà la liquidità, maggiori saranno le probabilità di manipolazione e di frodi contabili.
      Le società che generano profitti solo contabili è più probabile, infatti, che ricorrano a frodi contabili.


 
 
 
 
Come si calcola l’ M-score?

La formula M-score è la seguente:

M-score= -4,84 + (0,920 × DSR) + (0,528 × GMI) + (0,404 × AQI) + (0,892 × SGI) + (0,115 × DEPI) – (0,172 × SGAI) + (4,679 × TATA) – ( 0,327 × LVGI)

Un M-score maggiore di -1,78 (ovvero un punteggio meno negativo, come –1,50) indica una forte probabilità di manipolazioni di dati di bilancio.

M-score è un mero modello probabilistico; non è in grado, quindi, di rilevare le società che effettuano manipolazioni di bilancio con assoluta precisione.


 
 
 
 
Qual è il senso della formula M-score?

Secondo Beneish, il profilo di un “tipico manipolatore degli utili”, i.e. la società che ottiene un M-score elevato, è una società che (1) cresce rapidamente (crescita delle vendite estremamente elevata anno su anno), (2) sta vivendo un deterioramento dei fondamentali (come dimostrato da un calo della qualità delle attività, dall’erosione dei margini di profitto e dall’aumento della leva finanziaria) e (3) e sta adottando pratiche contabili aggressive (ad esempio, crediti che crescono molto più rapidamente delle vendite, utilizzo di accantonamenti discrezionali al fine di aumentare il profitto e riduzione delle le spese di ammortamento).

Una società con un M-score elevato dovrebbe essere considerata una società a rischio di manipolazione dei dati di bilancio e di frodi contabili.

L’M-Score è uno strumento incredibilmente prezioso per l’investitore.

Grazie ad esso l’investitore accorto può identificare potenziali manipolazioni dei dati di bilancio o, comunque, verificare la qualità degli earnings riportati da una data società e orientare, di conseguenza, le proprie scelte di investimento.

Il team di Affari di Borsa utilizza l’M-Score come strumento di screening iniziale quando analizza società come potenziali investimenti.

Se ti è interessato l’articolo e desideri riceverne di nuovi, iscriviti gratuitamente alla newsletter di Affari di Borsa

0
0
0
s2sdefault
powered by social2s

logo
info@affaridiborsa.com

© 2018 Affari di Borsa 
Affari di Borsa s.r.l. semplificata
C. F. e P. IVA 14623121002

Note Legali

Mappa del sito

Non hai mai operato in borsa on line?

Impara con il libro:
Investire on line: guida pratica per operare in borsa da casa

Copyright © 2018 Affari di Borsa by formeweb.it

Informativa sui cookie

Informativa ai sensi del provvedimento 229/2014 del Garante della Privacy
Cosa sono i cookie
I cookies sono piccoli file di testo che hanno il compito di migliorare e favorire la ricerca in rete e la navigazione sul sito web. I cookies vengono archiviati sul dispositivo dell’utente dal browser utilizzato – Firefox, Internet Explorer, Safari, Chrome, ecc. Il nostro sito utilizza cookies di terze parti, come il servizio di Google Analytics, Affari di Borsa non può accedere a tali cookies, ne’ controllare il loro funzionamento. Affari di Borsa utilizza solo ed esclusivamente i risultati statistici e dati anonimi e aggregati derivati dall’analisi di tali cookies inviati da Google Analytics al fine di migliorare i servizi offerti. Per maggiori informazioni su come Affari di Borsa.it, conserva i tuoi dati personali leggi la nostra Privacy Policy. Puoi in qualsiasi momento modificare o revocare il tuo consenso dalla Dichiarazione sui cookie sul nostro sito Web.
Il tuo consenso si applica al seguente dominio: www.affaridiborsa.com
Tipi di cookie
Esistono due tipologie principali di cookies classificate in base alla loro permanenza sul dispositivo dell’utente:
  • Transitori (o di sessione): mantengono le informazioni per il tempo necessario alla navigazione web e si cancellano automaticamente all’uscita dal browser;
  • Persistenti: memorizzano e conservano le informazioni sul computer/dispositivo in uso fino all’eliminazione del cookie stesso e permettono il recupero d'informazioni inserite precedentemente, anche nella sessione precedente, fino a che non vengono cancellati dall’utente, ad esempio attraverso la cancellazione della cronologia di navigazione.
Esistono poi categorie di cookies suddivise in base alla loro funzione; per quanto riguarda tali categorie di cookies, navigando sul nostro sito, potrai incontrare:
  • Cookies Tecnici: si tratta di cookies di natura prettamente tecnica che permettono al nostro sito di operare gestendone le funzionalità essenziali, come quello di selezionare la lingua. Per utilizzare tali cookies non è necessario ottenere il consenso dell’utente, in quanto il blocco di tali dati non consentirebbe il corretto funzionamento del sito; relativamente alla categoria di cookies suddivisa in base al tempo di permanenza sul device dell’utente, si tratta di cookies di sessione. A ogni modo potrai decidere di disattivarli linkando sui collegamenti indicati in seguito, nella sezione COME DISATTIVARE I COOKIES, dal tuo browser web.
  • Cookies di Google Analytics: Utilizziamo il servizio di Google Analytics che ci consente di ricevere informazioni di natura anonima e statistica sul modo in cui gli utenti navigano sul nostro sito, avendo nota ad esempio di quanto tempo permangono su una pagina o su un articolo o del numero di visite. Tali dati sono comunque di natura aggregata e non consentono a noi d'identificare l’utente, tuttavia le informazioni generate dal cookie sono automaticamente trasmesse a Google Inc e depositate presso i server di Google localizzati negli Stati Uniti. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi, qualora ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi siano stati incaricati da Google al fine di trattare tali dati. Google potrà identificare l’utente associando i dati rilevati dalla navigazione sul nostro sito web con altri in suo possesso. Qualora l’utente intendesse disattivare tali cookies dovrà selezionare l’impostazione specifica presente sul proprio browser oppure effettuare il download del componente aggiuntivo per disabilitare le funzioni dei Cookies di Google Analytics al seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout, ma ciò potrebbe impedire il corretto ed efficace utilizzo di tutte le funzionalità di questo sito web. Si tratta di cookies persistenti. In ogni caso, utilizzando il presente sito web, senza effettuare la disabilitazione dei cookies, l’utente presta consenso al trattamento dei propri dati da parte nostra e di Google per le modalità e i fini sopraindicati.
  • Cookie per il Marketing I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L’intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
    • Google AdSense Affari di Borsa utilizza gli annunci pubblicitari di Google AdSense, un servizio di advertising fornito da Google Inc. Questo servizio usa il cookie “Doubleclick”, che traccia l’utilizzo il comportamento dell’utente in relazione agli annunci pubblicitari, ai prodotti e ai servizi offerti. I contenuti pubblicitari sono di soggetti terzi rispetto al proprietario del sito web (publisher) che li ospita sulle proprie pagine.
    • Pixel Facebook Affari di Borsa utilizza il pixel di Facebook, uno strumento per la raccolta di dati statistici che consente di misurare l’efficacia della pubblicità comprendendo le azioni che le persone eseguono sul sito web
  • Cookie di Terze Parti Qualora siano presenti all’interno della pagina contenuti generati da altre organizzazioni, c’è la possibilità che si ricevano cookie derivanti da tali organizzazioni (“Terze parti”), come ad esempio in presenza di “Social Plugins” per Facebook, Twitter, Google+, Linkedin e similari. L’utilizzo più comune dei social plugin è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La gestione delle informazioni raccolte da “terze parti” è disciplinata dalle relative informative cui si prega di far riferimento.
Gestione dei cookie
La maggior parte dei browser sono configurati per accettare i cookie. Tuttavia, l’utente può decidere di accettare o meno i cookie modificando le impostazioni del proprio browser. Per avere maggiori informazioni su come eseguire questa operazione sui principali browser, si rimanda alle sezioni di supporto: I cookie memorizzati sul dispositivo dell’utente, possono comunque essere cancellati, facendo riferimento alle guide del proprio browser o del proprio dispositivo. Tuttavia, è possibile che la restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti.
Come disattivare i cookie
Per saperne di più su come vengono utilizzati i dati raccolti, o per disattivare singolarmente i cookie di terze parti (ove possibile), fare riferimento alle informazioni di supporto, tra cui: